Introduzione

Il Gruppo Ansaldo STS ha consuntivato al 30 giugno 2011 un risultato netto di 32.111 K€ rispetto a 33.411 K€ del primo semestre 2010; i ricavi sono pari ad 569.233 K€, rispetto a 584.706 K€ e la redditività operativa è del 9,2% rispetto al 9,9% del semestre dell’anno precedente.
Gli ordini ammontano a 667.719 K€ rispetto a 645.291 K€ al 30 giugno 2010 ed il valore del backlog è, pari a 4.617.688 K€ rispetto a 4.551.127 K€ consuntivato al 31 dicembre 2010.

Nel periodo 30 dicembre 2010 – 30 giugno 2011, il prezzo ufficiale del titolo è passato da 10,67 € a 9,62 €.
Esso ha toccato il suo valore massimo di periodo a 11,21 €, prezzo ufficiale di chiusura del 14 gennaio 2011, e il suo valore minimo a 9,26 €, prezzo ufficiale di chiusura del 24 giugno 2011.

I volumi medi giornalieri sono stati pari a 606.220 azioni scambiate.

Dalla fine di febbraio il titolo è stato penalizzato dalla crisi libica che ha determinato la sospensione delle attività su due importanti commesse nel paese. Il management ha informato tempestivamente il mercato sui rischi economici e finanziari che la situazione nordafricana poteva avere sul Gruppo; in particolare in occasione delle comunicazioni ufficiali di chiusura dei conti dell’anno 2010, sono state fornite, contestualmente ai nuovi obiettivi di anno 2011, anche alcune indicazioni preliminari sul possibile impatto della crisi libica. Gli obiettivi 2011, predisposti sulla base del budget elaborato alla fine del 2010 non tenevano infatti ancora conto di tale crisi.

Nel periodo considerato l’indice FTSE All Share Italy è rimasto sostanzialmente invariato: -0,1%, mentre quello concernente il segmento STAR, il FTSE Italia STAR, ha guadagnato il 2,6%.

Si segnala che nel primo semestre 2011 non ci sono state variazioni nel perimetro di consolidamento rispetto alla situazione in essere al 31 dicembre 2010.